MUSEO STORICO della STRUMENTAZIONE OCEANOGRAFICA

Misure Correntometriche di tipo EULERIANO con metodi acustici

Per misurare la velocità della corrente si sfrutta il fenomeno del cosiddetto effetto Doppler.
In generale un trasduttore piezoelettrico emette un segnale sonoro che viene distorto dallo scorrere del fluido; un altro trasduttore percepisce il segnale sonoro ormai distorto ed un microprocessore confronta il segnale di partenza con quello di arrivo e quindi attraverso la valutazione della distorsione effettua la misura della componente della velocità del fluido nella direzione individuata dai due trasduttori.
Disponendo di due o tre coppie di trasduttori si ottengono quindi correntometri biassiali (su un piano) o triassiali (nello spazio).

Il correntometro acustico biassiale SMART ACM EG&G è stato progettato per essere ormeggiato verticalmente ed a testa in giù, come nella foto a sinistra; esso misura due componenti della velocità nel piano ortogonale allo strumento e quindi nel piano orizzontale.

È stato sviluppato dal famoso ingegnere ed oceanografo Neil Brown nel 1986. Veniva prodotto dalla EG&G Ocean Products - Sea-Link Systems - Neil Brown Instrument Systems - Cataumet, MA U.S.A.
(segue...)

Il correntometro acustico triassiale Simtronix UCM40 รจ in grado di misurare l'effetto Dopppler su 4 percorsi disposti sugli spigoli di un tetraedro sui cui vertici sono inserite le testine piezoelettriche. Esso rappresenta una evoluzione del primo correntometro acustico biassiale e consente di valutare anche la componente verticale della corrente.
(segue...)



Ultimo aggiornamento: 17 agosto 2016

Webmaster: R.Iungwirth